Tuesday, 15 October 2019

Nuovo Decreto Fotovoltaico 2011

Nuovo Decreto Fotovoltaico 2011 del 3 Marzo: il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo del decreto legislativo contenente il riordino degli incentivi alle fonti rinnovabili e di recepimento della direttiva 2009/28/CE


Scarica qui il nuovo decreto in pdf

Scongiurato il tetto degli 8 GW, che di fatto avrebbe stroncato il settore, rimangano in vigore le tariffe previste dal “vecchio Conto Energia” fino al 31 Maggio e fino a tale data si potrà usufruire degli incentivi prevesti dal tezo conto energia.
Ritengo che tale operazione si poteva fare già nel Terzo Conto Energia, dove avevano già studiato tanto per complicare la vita agli operatori del settore ed era già difficile muoversi nei quadrimestri di incentivazione, con l'aggiunta del decreto Salva Alcoa.

Bastava dare un taglio netto agli incentivi a inzio anno e non suddividerli in quadrimestri, ma dall'esterno è troppo facile fare le leggi se non sappiamo che interessi ci sono in gioco, forse il nucleare?
Dopo solamente due mesi dal varo del “Terzo Conto Energia” ecco il ripensamento del governo di abbassare gli incentivi, dopo che si sono resi conto che nonostante i tagli effettuati, gli incentivi rimanevano allettanti per gli speculatori che non si sono fermati con le domande di parchi fotovoltaici.
E verrà stabilito un limite di potenza fotovoltaica incentivabile annuale che speriamo sia accettabile in termini di GW, basta che il governo dia un taglio deciso alle tariffe degli impianti a terra stoppando gli speculatori esteri che hanno fatto della nostra penisola (soprattutto al sud) la terra di El Dorado, aspettiamo fiduciosi il 30 Aprile, data dove il Governo si pronuncierà sulle nuove tariffe incentivanti.


Dunque, il nuovo decreto sul fotovoltaico si baserà sui seguenti criteri:

  1. determinazione di un limite annuale di potenza elettrica cumulativa degli impianti fotovoltaici che possono ottenere le tariffe incentivanti;
  2. determinazione delle tariffe incentivanti tenuto conto della riduzione dei costi delle tecnologie e dei costi di impianto e degli incentivi applicati negli Stati membri dell’Unione europea;
  3. previsione di tariffe incentivanti e di quote differenziate sulla base della natura dell’area di sedime;
  4. applicazione delle disposizioni dell’articolo 7 del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387, in quanto compatibili con il presente comma.

Nello schema di decreto legislativo di riordino degli incentivi alle rinnovabili, è previsto un tetto per le installazioni di impianti fotovoltaici su terreni agricoli fino al 10% della superficie e non oltre 1 MW di potenza installata.
Nel caso di terreni appartenenti al medesimo proprietario, gli impianti siano collocati ad una distanza non inferiore a 2 km. Questi limiti comunque non si applicano ai terreni abbandonati da almeno 5 anni e non si applicano agli impianti fotovoltaici con moduli a terra in aree agricole che hanno conseguito il titolo abilitativo entro la data di entrata in vigore del presente decreto o per i quali sia stata presentata richiesta per il conseguimento del titolo entro il 1° gennaio 2011, a condizione in ogni caso che l’impianto entri in esercizio entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto.

Fonte: energiain.it

>> Inviaci una mail per ulteriori informazioni o per ricevere un preventivo gratuito...

NUOVI APPROFONDIMENTI

Isolamento termoacustico mediante insufflaggio
L'isolamento termoacustico nelle nostre abitazioni,...
Uno stile tutto nuovo per la tua casa: la carta da parati
La carta da parati è senza dubbio una delle tecniche...
La pavimentazione esterna bella e resistente: il porfido
Amato dai decoratori d'esterni e resistente anche ai...
Decorare con classe e stile grazie allo stucco veneziano
La decorazione della casa è sicuramente la componente...
La progettazione di una ristrutturazione: fasi e consigli da mettere in atto
Realizzare la ristrutturazione dell'abitazione in...
Porte in vetro: Ristrutturare guadagnando spazio
Porte in vetro: ristrutturare guadagnando spazio...

CONTATTACI SUBITO

Email:
Telefono:
Message: